sabato 15 aprile 2017

Ma è proprio vero che la crescita economica sia l'antidoto alla disoccupazione?

La disoccupazione giovanile è un problema ovunque, anche in Africa tranne che in un paese. Nonostante la forte crescita, il tasso di occupazione dei giovani non decolla su quel continente. 
https://qz.com/952175/youth-unemployment-is-a-problem-all-over-africa-except-in-ethiopia/
In Africa, la crescita della popolazione spesso supera la crescita economica. Ma la conseguenza è che i giovani devono affrontare una disoccupazione di massa. La Fondazione Mo Ibrahim ha pubblicato un rapporto; "2017 Africa at a Tipping Point - L'Africa a un punto critico", in cui si mette in evidenza questo problema sociale che colpisce l'Africa. 

"Dopo aver osservato la situazione in 51 paesi, la Fondazione Mo Ibrahim osserva che nonostante la crescita economica, la disoccupazione rimane a un livello elevato. Anche nei paesi che hanno diversi tassi di crescita, il tasso di disoccupazione giovanile rimane statico. In Kenya e Sudan, il 22% dei giovani non hanno un lavoro. Nel 2016, in Kenya, per esempio, si è registrato un tasso di crescita del 6% del PIL, mentre nel Sudan era di circa la metà, al 3,1%", osservano gli autori dello studio. 

Più in generale, nel corso degli ultimi dieci anni la crescita media dei paesi africani è stata del 4,5%. Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione giovanile è rimasto stabile. "La forte crescita economica dell'ultimo decennio non ha creato posti di lavoro", fa notare Mo Ibrahim Foundation. 

"In Tunisia e in Egitto, dove i giovani sono tra i più istruiti, il tasso di disoccupazione giovanile è stato del 60%. Ciò dimostra che i titoli universitari non creano lavoro", si legge nello studio. 

Mentre un paese emerge dalla massa, diverso, in Africa: l'Etiopia. 

"Il tasso di disoccupazione generale e giovanile in Etiopia è rimasto relativamente stabile negli ultimi dieci anni. Lo scorso anno, è stato del 5,7%, mentre quello dei giovani è stato del 8,1%. Per il resto del continente queste misure erano 8% in media per il tasso di disoccupazione e il 13% per i giovani", riporta il sito di notizie al Quartz

L'Etiopia, il cui tasso di crescita è sceso dal 10,2% nel 2015 al 6,5% nel 2016, è un paese agricolo, ma ha anche diversificato, investendo nel settore industriale.

L'agricoltura è comunque ancora la principale fonte di posti di lavoro: l'80% della popolazione lavora in agricoltura, che rappresenta il 40% del PIL nazionale.

Questo non significa che il governo etiope sia necessariamente tenero con i giovani. Le manifestazioni politiche sono state duramente represse negli ultimi mesi.
_________
AFRICA AT TIPPING POINT - 2017 Forum Report.pdf

1 commento:

Francesco Zaffuto ha detto...

ho inserito questo post sul blog Crea pane e lavoro http://creapaneelavoro.blogspot.it/2017/05/quale-crescita-in-africa.html
ciao